close
Gruppo Cariparma Crédit Agricole
Vacanze in famiglia: appartamenti e luoghi baby friendly

Vacanze in famiglia: appartamenti e luoghi baby friendly

7 marzo 2017541Views
preview_vacanze

Soggiornare in appartamento, per chi ha famiglia, è certamente il modo migliore per trascorrere una vacanza di relax, risparmiando i costi a volte eccessivi degli hotel. A prima vista, l’hotel potrebbe essere l’alloggio perfetto anche per le famiglie: ogni giorno la camera viene rifatta, ogni giorno si ha la colazione apparecchiata e in hotel tutti ti fanno sentire a proprio agio. Non devi mai rifare il letto, né sistemare il bagno, né d’altra parte cucinare o mettere su un caffè. Tutto servito, tutto al tavolo.

Per quanto la sistemazione in hotel possa sembrare perfetta, a mio avviso si hanno due svantaggi: il costo e l’autonomia.

Chi ha un bambino più o meno piccolo sa quanto è importante l’autonomia, sia per i piccoli che per le famiglie. Essere autonomi e non avere orari è qualcosa che ho sperimentato in prima persona, soprattutto nei viaggi a lungo raggio o quelli che prevedono un jet lag. Gli adulti possono aspettare per fare colazione, i bambini no, se i bambini hanno fame, devono poter mangiare anche se si è a Cuba e sono le 3 di notte. Esperienza realmente provata.

L’autonomia quindi è fondamentale per una famiglia, sia per i pasti che per le abitudini che fanno ricordare un po’ a tutti la propria casa. Avere un mini soggiorno in cui la sera rilassarsi su un divano per guardare un film assieme, un cartone, uno spazio più grande rispetto a una camera striminzita di pochi metri quadri, un corridoio dove correre, una cucina dove accomodarsi attendendo l’ora della cena, proprio come a casa. Un sito dove trovare appartamenti è senza dubbio quello di Homeaway per soggiorni in Italia e in Europa.

ARTICOLO_vacanze_2

Certo, forse per i genitori può essere più stressante l’idea di dover cucinare anche in vacanza, di dover rifare il letto e sistemare il bagno, ma per i più piccoli è sicuramente un vantaggio avere tutto a disposizione proprio come a casa.

Il consiglio in più, se proprio non si può fare a meno di avere i servizi nonostante si risieda in un appartamento, è di prenotare un aparthotel, che lascia a tutti l’autonomia di dormire in appartamento, con i servizi di un hotel, come il servizio in camera quando la sera non si vuole cucinare o le sale relax per i ragazzi nella hall quando i più grandi sistemano l’appartamento. Inoltre, tra i servizi di alcuni aparthotel, c’è la possibilità di avere le pulizie, nonostante si abbia scelto di riposare in un appartamento.

L’altro vantaggio per le famiglie che scelgono un appartamento, è quello del risparmio.

L’appartamento dà la possibilità di cucinare in casa, consentendo a tutti di risparmiare notevolmente facendo spesa nei supermercati locali e quindi mangiando piatti del posto. Al contrario del ristorante dell’hotel o della città in cui si è scelto di soggiornare, il risparmio è garantito, ma anche la qualità dei piatti e degli ingredienti che si scelgono di acquistare, perché si fa tutto in completa autonomia.

Un consiglio per chi viaggia spesso e volentieri fuori dall’Europa, è Kid & Co, un sito dedicato ai viaggi in famiglia, perché le case messe a disposizione sono quelle di persone comuni che molto spesso hanno dei bambini. Lasciano quindi ad altre famiglie in viaggio la possibilità di soggiornare nella propria casa avendo già a disposizione tutti i servizi del caso, come fasciatoio, giochi, seggioloni per mangiare, vaschette per il bagnetto, passeggini per uscire e via dicendo. Un risparmio in questo caso in termini anche di oggetti da portarsi dietro non indifferente.

Cosa fare una volta in appartamento?

Il primo vantaggio dell’appartamento è lo spazio. Tutti hanno un proprio angolo, a volte ognuno ha una camera, sicuramente gli spazi sono maggiori, ci si sente più facilmente come in un luogo in cui abitare e non sentirsi solo ospiti. I bambini poi si sa, hanno necessità di avere spazi tutti loro anche quando si esce, attività a loro dedicate, posti in cui camminare liberi e correre senza la preoccupazione dei più grandi.

ARTICOLO_vacanze_3

Oltre alle decine di luoghi che si possono pensare, ho trovato in alcune città del Nord Europa, spazi baby friendly che uniscono i negozi agli luoghi dove i più piccoli possono giocare tra loro. Negozi dalle grandi vetrine pieni di giochi in cui ci si può fermare anche per mezza giornata, consumando all’occasione piatti locali fatti con prodotti biologici, succhi di frutta bio, il tutto con cannucce colorate e bicchieri di plastica dura; i bagni sono adatti ai più piccoli e free, previa piccola consumazione. Ci sono poi giochi di legno per i piccoli viaggiatori, curiosi sì di esplorare e di viaggiare, ma anche di avere luoghi a loro dedicati.

Arrivata la tanto attesa partenza, se il bimbo si ammala (cosa possibile, purtroppo), che si fa?

Con Only Apartments si ha la possibilità di disdire il soggiorno prenotato in precedenza, in base ai termini di ogni singolo appartamento, o di cambiare le date di viaggio, ad un costo minimo di 20€.