close
Gruppo Cariparma Crédit Agricole
Pulire casa senza restare al verde!

Pulire casa senza restare al verde!

24 giugno 20161908Views
preview_pulire_al_verde

Toglietemi una curiosità, di solito in media, quando andate a far spesa, quanto tempo passate davanti allo scaffale dei detersivi? 5 minuti? Ottimo!

Io almeno 15 minuti abbondanti, per la contentezza di mio marito che resta fuori ad aspettare. Detergenti di ogni tipo e colore, packaging sempre più attraenti, panni di microfibra dai colori fluo e dalle capacità miracolose, spugne anti calcare, salviette monouso attira polvere, strani strumenti di pulizia per i pavimenti che si strizzano e roteano come armi di distruzione, oggetti dalle forme ambigue che aspirano, lavano, asciugano e profumano ogni tipo di superficie e pavimento.

Insomma c’è da passarci la giornata!

Invece no. Rifiutatevi di riportare a casa oggetti che danno solo l’illusione di pulire, a prezzi stratosferici per giunta!!

E’ utile sapere che abbiamo in casa tutto quello che ci occorre per pulire senza spendere un solo centesimo. Non solo, potremo dare una seconda chance a piccoli oggetti apparentemente inutili!

ARTICOLO_pulire_al_verde-1

Tra questi, ad esempio, un vecchio pennello per il make up tornerà utilissimo per la pulizia delle tastiere del pc, per i libri riposti da tempo in libreria (mai utilizzare panni umidi o asciutti!!!!) oppure per i mobili e cornici intarsiati. Per le macchie ostinate utilizzate pure i bastoncini cotonati che avrete inumidito con del detergente.

Dei vecchi collant smagliati sono perfetti per raccogliere la polvere che si forma sotto i letti. Il calzino da tennis in spugna sostituisce egregiamente il panno umido da passare sul pavimento.

A proposito di pulizie dei pavimenti, usate il panno o il mocio? Il mocio, apparentemente pratico, è risultato essere secondo me, inutile oltre che costoso, dal momento che si deve sciacquare nella stessa acqua fino alla fine, oppure dovremo sostituire l’acqua col detergente 3 o 4 volte.

Ecco invece la mia tecnica anti-spreco.

Prendete un catino con acqua e detergente. Poi tanti panni quanti sono i vani della casa. Non ci sarà bisogno di risciacquare e strizzare. L’acqua resterà sempre pulita fino all’ultima passata di straccio sul pavimento.

Il risultato che si ottiene è notevole senza che ci sia stato il bisogno di sostituire l’acqua e aggiungere il detergente. Alla fine i panni andranno semplicemente sciacquati nel catino in cui l’acqua è rimasta pulita e messi ad asciugare per essere riutilizzati! Se la lavatrice lo prevede ci sono dei programmi appositi.

Potete scegliere, inoltre, di utilizzare dei panni di colore diverso secondo l’uso che ne fate, blu per il bagno, verde in cucina, rosa nelle camere e via dicendo.

Le salviette struccanti per il viso, dopo essere state usate, saranno ottime alleate per una rapida pulizia serale quotidiana di sanitari e rubinetterie.

Uno “zip” di brillantante nel secchio dell’acqua e detergente regalerà ai pavimenti di marmo lucidità e brillantezza.

Un pizzico di borotalco nello spray per i vetri li renderà idrorepellenti e brillanti.

ARTICOLO_pulire_al_verde-2

Un vecchio spazzolino da denti si presterà benissimo per pulire ori e bijoux, nonché rubinetterie e scarpe.

Il phon, udite udite, potrà risolvere l’annoso problema delle etichette che non riuscite a rimuovere dagli oggetti in vetro. Basterà passare il phon per asciugare la colla e l’etichetta potrà essere rimossa senza problemi.

Infine, i quotidiani! Mettete da parte i giornali già letti per poterli riutilizzare nelle pulizie di vetri e specchi. Non esistono infatti prodotti che non lascino aloni anche se costosissimi.

Pronti allora per le grandi manovre a piccoli prezzi?